venerdì 6 dicembre 2019

Registrazione digitale in alta definizione su PC

In un post precedente avevo citato la possibilità di registrare in digitale da un normale computer, quindi senza regolazione del volume e possibile introduzione di distorsione o rumore di fondo e senza doppia conversione DA/AD. La procedura illustrata (e provata) utilizzava un Mac Mini (solo versione 2014 o precedenti) e l'applicazione GarageBand, standard su Mac. Il limite di questa procedura era la risoluzione massima ottenibile di 24 bit / 44.1KHz, imposta dalla limitazione a 44.1 di GarageBand (che Apple non pare intenzionata a superare).

Vediamo in questo post come si può trasformare il proprio PC in un versatile registratore digitale senza queste limitazioni di hardware e di software. La registrazione digitale consente di acquisire, senza passare per l'analogico, musica prodotta da strumenti digitali (per esempio un piano digitale), o riprodotta da servizi streaming (avendo però acquistati i contenuti in CD o vinile) o da un nostro DVD.

L'ingresso digitale
Non è più presente dal 2015 sui Mac Mini e nemmeno sugli altri PC o notebook Apple, sui PC windows fissi o portatili comuni non è mai stato di serie. Sui PC fissi può essere aggiunta una scheda audio con ingresso digitale ottico o coassiale. Per tutti gli altri esistono invece schede audio esterne collegabili sulla porta USB. L'azienda produttrice delle note schede Sound Blaster ha in catalogo ad esempio questa interfaccia esterna con tutte le caratteristiche necessarie allo scopo, e di costo ragionevole (80-100 €): Creative Sound Blaster X-FI HD. Come si vde dall'immagine, è dotata di ingresso digitale ottico S/PDIF.

Sound Blaster X-FI HD
Il software per la registrazione digitale
Le applicazioni (a pagamento) che costituiscono un'alernativa a GarageBand hanno la possibilità di registrare sulla porta digitale del PC anche a frequenza di campionamento superiore a quella del CD, e quindi potrebbero rispondere all'esigenza. Come esempio possiamo citare Cubase, dal costo piuttosto elevato (da 65€ educational a 80-300€ standard) oppure Ardour, a pagamento volontario periodico da 1-4-10 $ al mese (provato). Sono però strumenti molto complessi, pensati per fornire le funzioni di un mixer / stazione di editing per uno studio professionale o semi-professionale. La semplice registrazione senza effetti e su due sole tracce è quindi in alcuni casi una funzionalità da individuare con qualche fatica tra le molte presenti. Soprattutto, proprio per questa grande versatilità e complessità, i prodotti più stabili e professionali non costano poco.

I registratori standard di Windows e Mac sono pensati per la registrazione vocale e poco più, e questo vale anche per le app di registrazione "finto-free" pensate più che altro per la cattura del suono. Una app sicura e open source però esiste ed è la stessa già proposta anni fa in un post dedicato alla cattura dell'audio dal driver del PC, ed è il ben noto editor audio Audacity.
L'applicazione, disponibile anche per Mac, "vede" anche un eventuale input digitale e in questo caso avviando la registrazione (che qui è una funzione molto semplice e intuitiva, simula il classico registratore a cassette o a bobine) acquisisce l'audio direttamente in digitale, disabilitando i controlli di livello di registrazione.

Registrare in digitale con Audacity
Il flusso digitale viene riconosciuto automaticamente, ma la risoluzione con cui effettuare la registrazione deve essere impostata preventivamente. Non è quindi rilevata automaticamente dal flusso di ingresso e replicata, se è diversa il software provvede online a fare il downgrade o upgrade alla frequenza impostata (la parola è sempre 32 bit float e quindi non ci sono problemi).
Per preservare la risoluzione originale occorre quindi conoscerla ed impostare la stessa frequenza di campionamento anche su Audacity. Dopodiché l'output può essere generato in formato non compresso WAV o AIFF (sempre e solo non compresso perché a seguire dovrà essere editato sempre con Audacity per separare le tracce).
Importante: ricordare sempre di impostare la risoluzione ad un valore uguale o superiore sul driver del computer. Su Mac ad esempio bisogna configurare nel pannello Midi Audio il valore massimo ammesso, che solitamente è 96000Hz al posto del default che è 44.100Hz.

Audacity in registrazione sul Mac Mini su ingresso digitale. Frequenza di campionamento impostata a 96KHz. Il controllo di volume è disattivato, muovendo il cursore il volume di registrazione non cambia. Il brano in registrazione (Youn Sun Nah - Too late) era in un passaggio a volume basso
Registrare in analogico con Audacity
L'applicazione open source della comunità SoundForge può essere una valida alternativa a GarageBand anche nell'acquisizione degli LP direttamente da analogico. Con Audacity, a differenza del recorder studio di Apple, si può impostare la frequenza di campionamento del software di registrazione a 48KHz (consigliato) oppure 96KHz per ottenere una qualità di conversione in digitale ottimale.

0 commenti:

Posta un commento