lunedì 20 dicembre 2010

Lotta al caro disco - II parte

In un precedente post avevo raccontato di come si può abbattere il costo dei CD acquistandoli semplicemente in rete (da Amazon UK in questo caso), arrivando senza grandi difficoltà ad un prezzo medio di meno di 8 € per album nuovi, con novità discografiche.

Ancora troppo? Cercando sempre su Amazon UK ho verificato che si può anche scendere, e molto. In questo caso stavo cercando il notevole disco di esordio del cantautore irlandese Damien Rice, che si chiama semplicemente O, e ho trovato come al solito ottime condizioni. L'attenzione mi è caduta però sulla sezione "used" che dichiarava prezzi a partire da ... pochi centesimi.
Non potevo esimermi dal provare, e così ho ordinato una copia dichiarata in condizioni "very good" al modico prezzo di 18 centesimi (di sterlina). Con i costi di spedizione arrivavamo a 2,9 €.
Dopo meno di una settimana il CD è arrivato. Era una confezione Digipack (cartonata) e quindi un po' più soggetta ad usura di quelle con jewel box, ma non mancava nulla, qualche lieve segno sul bordo, il CD era in buone condizione, e suonava senza problemi. Il tutto per meno di 3 €.

Chiaramente ho dovuto provare ancora, mi mancavano in edizione CD un paio di album dei REM (li avevo acquistati su iTunes), e così ho selezionato, sempre come usato "very good", Up e Reveal.
Tutti e due in vendita per un centesimo di sterlina. Magari non ci si crede, e quindi ecco qui la ricevuta di acquisto:


Come si vede il costo è rappresentato solo dall'imballaggio e dalla spedizione, ma siamo a 2,22 € per CD.
Spediti dall'Inghilterra il 10 dicembre, sono arrivati il 16 in una busta imbottita per CD. I CD erano in buone condizioni, solo un piccolo graffio su Up (ma c'è il correttore di errore sui CD, basta non farlo lavorare troppo). Uno dei due jewel box era in parte rotto, ma certo non è un problema cambiarlo, anche non riciclandone uno, costano pochi centesimi. Le cose più importanti, il libretto e la copertina, erano intatte. Il tutto per un centesimo l'uno.

Ce ne sono in vendita anche altri a prezzi analoghi, da numerosi "negozi" Amazon, e posso concludere che, almeno in questo periodo, sono disponibili parecchi CD a condizioni veramente economiche.
Per quale motivo vendano CD a questo prezzo non lo so. Forse hanno acquistato abbonamenti di spedizione dalla Royal Mail e se non raggiungono il numero previsto ci rimettono. Gli conviene spedire anche gratis o quasi per guadagnare sui costi di spedizione. Certo soltanto il lavoro di confezionamento si dovrebbe mangiare tutto il piccolo ricavo, ma suppongo che sappiano quello che fanno.

Quindi, in sintesi: perché scaricare senza sosta musica dalla rete?

0 commenti:

Posta un commento