venerdì 13 settembre 2019

Il CD: l'affare del secolo per le case discografiche

Sul sito della RIAA si possono consultare eccellenti infografiche personalizzabili che consentono di valutare a colpo d'occhio l'andamento del consumo di musica in USA in un esteso arco di tempo, che va dagli anni '70 ai giorni nostri. Selezionando le opzioni di visualizzazione si può vedere per prima cosa che con l'avvento e il successo del CD le case discografiche hanno raggiunto il fatturato più elevato di sempre, ben 21,5 miliardi di dollari nel 1999.


La curva è meno spettacolare se viene applicato l'allineamento all'inflazione, equiparando il valore del dollaro al 2018. Come si vede anche nel 1978 le cose non andavano male, il fatturato attualizzato era 15,5 miliardi di $ e gli LP incidevano per 9,3 M$, ma contribuivano non poco anche le cassette di vario tipo (anche 8-track tipiche USA per le auto), per altri 6,2 M$. Poi però è iniziata una veloce curva discendente. Ma dal 1985 è arrivato in soccorso il CD. Che nel 1999 ha consentito da solo un fatturato di 18,9 M$, il doppio del LP nel suo anno migliore.
Il che apre qualche raggio di luce sulla premura con cui Sony e Philips hanno messo a punto e lanciato il nuovo standard.


Poi è arrivata Internet con l'ADSL, Leonardo Chiariglione e Shawn Fenning alias Napster senza volerlo hanno colpito duro e il mercato è crollato fino ai 7,1 M$ del 2014, con il CD in caduta libera. Unica luce in fondo al tunnel, insperata ciambella di salvataggio (senza alcun contributo delle case discografiche) iTunes e iPod di Steve Jobs e il download digitale legale, dal 2005.

Vediamo però anche i volumi, che sono abbastanza impressionanti, a  confronto tra CD e LP. Nel 1978 in USA sono stati acquistati 341 milioni di LP, ma nel 1999 gli album su CD acquistati sono stati 942 milioni. Gli abitanti degli Stati Uniti sono circa 300 milioni , inclusi bambini e anziani con problemi di udito, e in media hanno acquistato 3 CD all'anno. Mentre gli LP erano scesi a 5 milioni. Bei tempi per le case discografiche: l'anno scorso erano 52 milioni, ogni 6 persone c'era uno che ha comprato un CD in un anno.
In compenso il vinile che doveva essere abbandnato è risalito a oltre 16 milioni, dopo essersi inabissato per 4 anni (tra il 2005 e il 2008) sotto al milione di copie. Nel grafico che segue si vede ben evidenziato il doppio passaggio di consegne tra LP e CD e viceversa.


Interessante anche quest'altro grafico derivato dalle statistiche, sulla importanza delle cassette (preregistrate) negli anni '70. Che si sono continuate a vendere, anche a ritimi sostenuti, mentre il vinile stava crollando, dal 1984 fino al 1997-98. Parliamo di oltre 400 milioni di unità dal 1987 in poi e oltre i 100 milioni fino al 1999. Era questo l'unico supporto analogico superstite degli anni '80 e '90, e certo non faceva concorrenza al CD come qualità del suono.


Infine un'ultimo grafico che illustra il successo della presunta speculazione delle case discografiche sull'alta definizione. Indipendentemente dalle reali intenzioni, un flop totale.


Il DVD-Audio, commercializzato in USA (da noi neanche arrivato) non è andato mai oltre le 500 mila copie acquistate e nel 2013 è pure andato in rosso per 100 mila unità (i resi hanno superato il venduto). Il Super Audio CD tanto promozionato ha raggiunto al massimo i livelli del LP prima della momentanea caduta (1,3 milioni nel 2003) e almeno in USA le vendite sono così ridotte che è sparito dalle statistiche dal 2013. Invece il DVD-Audio in USA è ancora acquistato e quindi ancora prodotto, per il multicanale, essenzialmente.

Tutti i dati statistici, personalizzabili, sono sul sito RIAA in questa sezione . I dati globali almeno per i grandi numeri sono sempre stati simili in proporzione all'incirca USA = resto del mondo.

Nei grafici sono ovviamemte presenti anche i dati relativi alla musica digitale in download e in streaming, che ha consentito all'industria della musica di risalire la china a partire dal 2016, e arrivare al fatturato globale pre-boom del CD, ovvero al 1985, poco meno di 10 miliardi di $ (allineati all'inflazione). Il che è una cosa buona, perché è giusto che chi crea e produce la musica abbia una corretta renumerazione, qualunque sia il suo ruolo.

0 commenti:

Posta un commento