mercoledì 23 febbraio 2011

Ottimizzazione di Foobar2000

Il precedente post dedicato a Foobar2000 era una mini guida pratica di questo media player, il più versatile e probabilmente anche il migliore per ambiente Windows. Ottimo prodotto, freeware, ma anche un poco complesso da utilizzare.
Restavano da fornire alcune indicazioni sulla ottimizzazione dell'audio, che avevo temporaneamente omesso in attesa che si stabilizzasse il prodotto rispetto alla nuova versione, ormai standard, del sistema operativo Microsoft, Windows Seven.

Parliamo quindi di Foobar2000 nella versione attuale (inizio 2011) ovvero la 1.1.2, e della configurazione ottimale per interfacciare un DAC esterno, in questo caso il Musiland Monitor 01 US, un componente che utilizza un suo proprio driver. Con altri decoder esterni la configurazione potrebbe essere in parte diversa, ma per tutti esiste la esigenza di bypassare il mixer di Windows, ovvero la interfaccia standard che gestisce l'audio. Questo al fine di presentare il flusso binario al decoder senza alterazioni, ovvero bit per bit (exact bit playback). E di dedicare in modo esclusivo il decoder audio al player.

Nelle precedenti versioni di Windows (prima di Vista / 7) per raggiungere questo risultato era necessario operare in modalità "kernel streaming" (sorvolo sui dettagli, che si possono trovare facilmente in rete, anche per esempio qui sul sito Microsoft). Con Windows 7 è stata invece introdotta (o reintrodotta) una interfaccia (API) che consente di bypassare questo famoso mixer, e su questa base è stata sviluppata in Foobar2000 (e consimili oggetti) la interfaccia WASAPI.

Che quindi deve essere selezionata preferenzialmente per ottenere le prestazioni migliori. In rete sono presenti istruzioni e risposte ai forum di svariate età, e quindi la confusione è in agguato.
Con la versione in distribuzione da foobar.org le cose sono invece piuttosto semplici. Nel kit standard il componente WASAPI è infatti incluso, e quindi dopo la installazione è sufficiente avere l'accortezza di selezionarlo, da File > Preferences > Output, come mostrato nella figura seguente.


Occorre fare attenzione anche al bitrate (output format, il secondo menu a tendina in questa maschera) che potrebbe essere configurato di default a 16 bit (anche se si usa materiale a 24 bit) e che deve essere quindi allineato al software che si vuole ascoltare. A questo punto il decoder è in uso esclusivo al player di Foobar2000, il mixer è bypassato e il livello di interferenze è il minimo possibile. Per sincerarsi che tutto sia andato a buon fine basta attivare una qualsiasi applicazione che suona, ad esempio un video YouTube. Se è tutto a posto l'audio dovrebbe rimanere muto e si dovrebbe continuare ad ascoltare solo l'output di Foobar.

Quindi niente componenti da installare nella nuova versione, a differenza di quanto riportato in diverse guide (anche quella sul numero 318 di Audio Review).

Cosa succede se non si fanno queste (peraltro semplici) operazioni? Nulla di drammatico, la musica la si ascolta lo stesso. Soltanto che, a bassi volumi, come nel pianissimo di una orchestra (sto ascoltando per esempio il Pelleas et Melisande di Sibelius) si possono sentire lievi disturbi di sottofondo. Con la interfaccia Wasapi va invece tutto a posto e si apprezza in pieno la dinamica che ci aspettiamo. Con la musica rock o altra musica a minore dinamica le differenze sono molto meno avvertibili. Per l'audio di qualità conviene però puntare sempre alle migliori condizioni possibili.


14 commenti:

  1. Anonimo4/8/11

    Ho installato wasapi, così come avevo installato asio4all con un'altra guida, e in entrambi i casi il mixer windows e il programma di gestione della scheda audio non vengono bypassati... Qualche suggerimento? grazie.

    RispondiElimina
  2. Ho installato Wasapi 2.1 su windows Vista è ho notato un netto miglioramento già con il semplice ascolto in cuffia.
    La mia domanda è la seguente.
    Il collegamento all'ampli tramite minijack-RCA mi dà buoni risultati anche senza DAC?
    Grazie
    Claudio

    RispondiElimina
  3. Risposta ad Anonimo:
    forse il post per amore di sintesi non specificava a sufficienza che l'uso esclusivo riguarda la interfaccia alla quale è collegato il dispositivo di output (es. la cuffia) e sul quale si configura il driver Wasapi.
    Mi spiego: se configuriamo in Foobar Wasapi sulla scheda audio interna del PC e colleghiamo una cuffia all'uscita (e nel pannello di controllo è selezionata la possibilità di uso esclusivo) nella suddetta cuffia sentiremo solo quello che suona Foobar. Se avviamo YouTube sulla cuffia non sentiamo niente, come volevamo.
    Lo stesso avviene se configuriamo Foobar su un DAC esterno collegato ad una porta USB, e su questa unità colleghiamo una cuffia. Anche in questo caso sulla cuffia sentiremo solo quello che suona Foobar e nessuna interferenza da altro audio che attiviamo sul PC.
    Se però sul PC c'è un altro dispositivo audio, come per esempio le casse collegate alla scheda audio, o una cuffia sull'output, se non sono disabilitate è possibile che riproducano l'audio di un'altra applicazione, ad esempio YouTube nel nostro caso.
    E' possibile che ci sia un modo di disabilitare completamente anche questa seconda sorgente, indagherò, ma non è molto importante, l'importante è che l'output che ci interessa, quello che arriva al DAC, sia solo ed esclusivamente quello che proviene dal nostro media player.
    Non so se sono riuscito ad essere sufficientemente chiaro, eventualmente integrerò le informazioni sul post.

    RispondiElimina
  4. Risposta a Claudio:
    Quindi se ho capito bene vuoi usare il DAC interno del PC. In un'altro post un visitatore parlava bene del DAC interno del Mac Mini. Non ho elementi per confermare o smentire. In generale, essendo un componente software che gira in un ambiente con molte interferenze, e con una sezione analogica molto semplificata, si sconsiglia questo uso se non come temporaneo in attesa di un DAC dedicato.
    Ed è lo stesso consiglio che mi sento di dare anch'io. Fai attenzione a selezionare nel pannello di controllo la massima risoluzione possibile nel DAC interno (in alcuni PC è 24/48, in quelli più recenti, come il Vaio che uso io, si arriva a 24/192) e collegalo all'ampli, non sentirai alcun difetto evidente (salvo forse qualche interferenza elettrica). Appena ti è possibile però aggiungi all'impianto un DAC dedicato o un Network player.

    RispondiElimina
  5. Domenico4/2/12

    Ciao Alberto, ho appena installato Foobar. Intanto ho notato che funziona bene con gli mp3 ma stranamente i CD li riproduce con frequenti interruzioni del suono (come se saltasse il disco), a differenza di Winamp o Media Player...come mai?
    Io al momento uso come scheda audio esterna una "Creative Sound Blaster X-Fi Xtreme Audio Notebook", ho provato a seguire le istruzioni (qui sopra) per l'attivazione dell'interfsccia WASAPI ma nell'elenco a me non risulta alcun rigo che cominci con WASAPI...mi sfugge qualcosa? Grazie.

    RispondiElimina
  6. Per Domenico: domande preliminari obbligatorie, scusa se appaiono ovvie, ma non lo specifichi: versione sistema operativo? Versione Foobar2000? Dimensione del buffer (Preferences > Playback > Output)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domenico5/2/12

      Ciao Alberto, figurati. Windows 7, versione foobar scaricata ieri. Comunque dopo che ti ho scritto ho risolto entrambi i problemi...dovevo anche installare WASAPI e regolare il buffer! Adesso il suono sembra effettivamente migliorato ed altre applicazioni non interferiscono. L'unica cosa che non mi torna è il volume di sistema che continua ad essere manovrabile...mi spieghi meglio questo aspetto? Grazie.

      Elimina
    2. WASAPI non disabilita il controllo di volume a livello di sessione, che è gestito da una applicazione Windows chiamata Sndvol. Disabilita il mixer e quindi la possibilità di mischiare appunto due sorgenti sullo stesso output e soprattutto l'altra applicazione che fa questo mestiere.
      Bisogna considerare che il controllo di volume è sempre una attenuazione, e che quindi con il volume al massimo l'attenuazione è nulla e quindi il controllo di volume è come se fosse disabilitato. In ambito digitale questa dovrebbe essere la configurazione ottimale perché aumentando l'attenuazione si riduce la risoluzione effettiva. Si tratta però di un problema avvertibile (forse) solo a qualità CD (16 bit) mentre ritengo sia del tutto inavvertibile in alta definizione a 24 bit. In ogni caso, facendo attenzione al volume sul pre o sull'ampli analogico, conviene tenere il volume al massimo lato PC, pur senza dare una importanza eccessiva a questo aspetto. Non credo sia disabilitbile il controllo di volume a livello di sessione in ambiente Windows, sul sito Microsoft è presente comunque ampia documentazione in merito.

      Elimina
    3. Anonimo20/6/12

      Ciao Alberto, molto interessante il tuo articolo.
      A me interesserebbe capire se anche con gli Asio4all - che non sono stati creati per migliorare l'output audio a quanto leggo - si possa avere un miglioramento audio alla stregua dei WASAPI.
      Io con una relatek integrata di un notebook noto un leggero miglioramento sia con wasapi che con gli asio4all rispetto all'interfaccia directsound. Il suono mi pare con meno bassi e più medi.
      Tra wasapi e asio4all invece non percepisco differenze.
      Questa prova l'ho fatta usando delle IEM, collegate al jack 3.5 della scheda.
      La scheda ha anche un'uscita ottica spdif, che mi permette di bypassare il dac dell'integrata e usare quello delle empire ps2120d. In questo caso però non noto differenze tra i tre driver.
      In analogico si sente di più dunque ''la mano'' di wasapi e asio rispetto al digitale?

      Poi un'ultima cosa, con Foobar + WASAPI mi succede una cosa strana, che non dovrebbe esserci: posso ascoltare sulla stessa periferica, quella analogica, l'audio di due programmi diversi (ad esempio foobar e dvbdream per la tv). Come mai?

      Elimina
    4. Ho aspettato parecchio a risponderti perché speravo che qualche altro visitatore con una configurazione analoga lo facesse. In ambiente Windows purtroppo e interazioni e combinazioni sono talmente tante che dare spiegazioni ai comportamenti del sistema a distanza non è facile, almeno per me.
      In generale ti posso dire che sentire le differenze non è sempre facile. Non so tu che esperienza d'ascolto hai, ma nel caso non sia vastissima ti consiglio di iniziare con generi musicali di tipo acustico di cui ha conoscenza diretta (anche il semplice canto) e con supporti nei quali la differenza si deve sentire (tipo Mp3 contro CD) e poi partire da lì.

      Elimina
  7. Domenico6/2/12

    Grazie mille per il chiarimento. Da quello che mi dici, l'operazione è andata a buon fine infatti finché foobar è in funzione non ci sono interferenze di altri suoni.
    Approfitto della tua competenza e disponibilità per porti una domanda sul funzionamento di foobar2000. C'è un modo per rendere continuativa la riproduzione casuale? Se clicco l'icona del play con il punto interrogativo passa ad un brano successivo a caso ma poi riprende la riproduzione in ordine di playlist. Spero di essermi spiegato, grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono reso conto di non aver risposto a questa domanda che è qui da tempo. Sorry. Ho verificato anche io che la riproduzione casuale funziona in questo modo un po' manuale. Tra i comandi standard non sembra esserci altro. Prova ad inserire un quesito sui forum di assistenza di Foobar2000, sembrano molto frequentati.

      Elimina
  8. Anonimo4/3/12

    Grazie per il post. Su un sistema windows xp-pro ho installato foobar 1.1.11, il sw del Musiland Monitor 01-US versione 1.0.10.0 collegando poi, attraverso cavi in rame, l'amplificatore di cuffia ProjectHB-SE ed ascoltando con una cuffia da studio DT880 beyerdynamic. Il risultato mi pare abbastanza buono ma non sono sicuro di avere fatto al meglio le configurazioni. Ad esempio tengo il buffer Foobar a 9380ms ed il campionamento a 24; il monitor 01 US a 192. Qualche consiglio per le configurazioni software? Grazie

    RispondiElimina
  9. Il driver del Musiland mostra nel pannello di controllo la frequenza di campionamento del file audio che sta convertendo, nella configurazione default. Poi esiste un secondo pannello Advance dove è possibile settare manualmente le frequenze di campionamento (SR). Non so dirti se in questo modo esegua un downgrade o un upgrade, o a cosa dovrebbe servire, la documentazione non è molto dettagliata e quella dettagliata è in cinese, almeno così sembra. Io lascerei com'è di default. Nel pannello mixer in questo modo potrai monitorare la risoluzione del file audio e il driver in uso. Almeno questo è il funzionamento con la versione e la configurazione che ho, tu potrai verificare se è conforme nel tuo caso. Il buffer è meglio che sia ampio, più è grande maggiore è il ritardo nella partenza della riproduzione ma minore la probabilità che si verifichino delle interruzioni nel caso di utilizzo di connessioni di rete. Il valore che hai adottato è intermedio e dovrebbe andare bene.

    RispondiElimina